Pagine da ricordare: Tucidide, Le storie

17 novembre 2010 23:20 3 comments

Torino, Utet, 1982 (a cura di Guido Donini)

Sulla democrazia

 

Libro II, 37, 1-3

 

[…] per il fatto che non si amministra lo stato nell’interesse di pochi, ma di una maggioranza, si chiama democrazia: secondo le leggi vi è per tutti l’eguaglianza per ciò che riguarda gli interessi privati; e quanto alla considerazione di cui si gode, ciascuno è preferito per le cariche pubbliche a seconda del campo nel quale si distingue, e non per la classe da cui proviene più che per il merito; d’altra parte, quanto alla povertà, se uno è in grado di far del bene alla città, non è impedito dall’ oscurità della sua posizione sociale. [2] Noi svolgiamo la nostra vita di cittadini liberamente, sia nei rapporti con lo stato, sia per ciò che riguarda i sospetti reciproci nelle attività di tutti i giorni: non siamo adirati col nostro vicino se fa qualcosa secondo il suo piacere, né infliggiamo molestie che, pur non facendo del male, sono tuttavia fastidiose alla vista. [3] Mentre ci regoliamo nei nostri rapporti privati senza offendere, nella vita pubblica non ci comportiamo in modo illegale, soprattutto a causa del rispetto, perché diamo ascolto a coloro che di volta in volta sono in carica e alle leggi, specialmente quelle che sono stabilite per aiutare le vittime di ingiustizia e quelle che, senza essere scritte, portano a chi le vìola una vergogna comunemente riconosciuta.

Sull’inutilità della pena di morte

Libro III, 45

 

45 [1] Nelle città è prevista la pena di morte per molte offese, che non sono eguali a queste, ma minori: e tuttavia gli uomini, trascinati dalla speranza, corrono il rischio, e nessuno ha mai affrontato il pericolo ritenendosi incapace di riuscire nelle sue trame. [2] E quale città nel ribellarsi ha mai tentato l’impresa avendo mezzi che a suo parere fossero inferiori, sia che si trattasse solo di forze proprie, sia di forze procurate grazie a un’alleanza con altri stati? [3] Tutti gli uomini per natura sono portati a commettere colpe, sia come privati sia come stati, e non c’è legge che glielo impedirà, poiché gli uomini, aggiungendo nuove pene, le hanno esaurite tutte, nella speranza di subire meno offese dai criminali. È probabile che nei tempi antichi le pene sta­bilite per i delitti più gravi fossero più miti, ma poiché queste leggi venivano trasgredite, la maggior parte di esse col tempo è arrivata alla pena di morte; e tuttavia anche così le leggi sono trasgredite. [4] Perciò, o bisogna trovare qualche terrore più terribile di questo, oppure in ogni caso questo terrore non impedisce niente: ma la povertà, che spinta dal bisogno provoca l’audacia, la ricchezza, che con l’insolenza e l’orgoglio provoca l’avidità, e le altre condizioni degli uomini, in preda alle passioni, ogni volta che ciascuna subisce un impulso più potente e irresistibile, li spingono verso i pericoli. [5] E in ogni occasione la speranza e il desiderio, questo alla guida e quella al suo seguito, mentre il secondo escogita il piano e la prima fa balenare il favore della fortuna, compiono i danni più gravi, ed essendo invisibili sono più potenti dei pericoli visibili. [6] E la fortuna, che vi si aggiunge, non contribuisce meno di essi a trascinare all’azione: talvolta, infatti, essa assiste qualcuno inaspettatamente e lo spinge a correr rischi anche se si trova provvisto di mezzi inferiori: e soprattutto spinge le città, in quanto sono in gioco gli interessi più importanti, la libertà e il do­minio sugli altri, e ciascuno, operando insieme a tutti i suoi concittadini, si stima senza alcun fondamento ben più forte di quello che è. [7] È semplicemente impossibile – e dà prova di grande stupidità chi lo crede – che quando la na­tura si muove con ardore per far qualcosa, si riesca a im­pedirlo con la forza delle leggi o con qualsiasi altro terrore.

 

 

Sulla degenerazione dell’uomo durante uno stato di guerra

 

Libro III, 82, 2

 

E molte calamità dolorose afflissero le città a causa della lotta civile, cose che avvengono e avverranno sempre finché la natura degli uomini sarà la stessa, ma più atroci o più miti, e diverse nelle loro manifestazioni, secondo ogni mutamento delle circostanze che si presenta. In tempo di pace e nella prosperità le città e gli individui hanno sentimenti migliori, perché non incorrono in costrizioni che avvengono contro la libera volontà: ma la guerra, togliendo le comodità della vita quotidiana, è un maestro che ama la violenza, e rende gli umori della maggior parte degli uomini conformi alle circostanze.

 

Sul cambiamento delle “parole”

Libro III, 82, 4

 

E gli uomini cambiarono il significato abituale delle parole in rapporto ai fatti secondo il modo in cui ritenevano d’in­terpretarle. L’audacia irragionevole fu ritenuta coraggio pieno di fedeltà verso i compagni politici, l’esitazione prudente di­venne viltà con una bella apparenza, la moderazione, il manto che copriva la codardia, e l’intelligenza in ogni cosa, ignavia sistematica, l’ardore folle fu aggiunto alle caratteristiche virili, e il riflettere attentamente ai fini della sicurezza fu consi­derato un pretesto ragionevole per rifiutarsi di agire.

 

Sulla “onestà” degli uomini che ricercano il potere

Libro III, 82, 7-8

 

La maggior parte degli uomini si lasciano più facilmente chiamare abili se sono mascalzoni che stupidi se sono onesti, e di questo si vergognano, mentre di quello si vantano. [8] La causa di tutto ciò era il potere perseguito per cupidigia e ambizione: da queste veniva anche l’ardore quando tra le parti scoppiava la rivalità.

 

Contro la guerra

Libro IV, 59, 2

 

Su come il far la guerra sia penoso, che bisogno c’è di dilungarsi, enumerando, a persone che lo sanno, tutto ciò che essa com­porta? Nessuno è costretto a far la guerra per ignoranza, né ne è distolto dalla paura, se crede di poterne trarre qualche vantaggio. Accade invece che agli uni i vantaggi appaiano maggiori dei pericoli, e che gli altri siano disposti a correr dei rischi piuttosto che subire qualche danno immediata­mente: [3] ma se gli uni e gli altri si trovano ad agire in un momento inadatto proprio a quegli scopi, allora le esorta­zioni a riconciliarsi sono utili.

 

 

Parole che ci arrivano dal V sec. a.C.!

3 Comments

  • “per il fatto che non si amministra lo stato nell’interesse di pochi, ma di una maggioranza, si chiama democrazia”

    peccato che quella “maggioranza” era la maggioranza del 10% di abitanti di Atene liberi, maschi e nati ad Atene. E’ buona norma, quando si sente parlare di potere non elitario, andare a scavare oltre le parole, e vedere cosa c’è dietro in realtò. E spiacente, ma una democrazia limitata al 10% della popolazione non è democrazia, è oligarchia, l’etimologia non perdona.

  • Gia’. L’osservazione di Giovanni e’ corretta. Pero’ la chiamiamo giustamente ”democrazia”, quella greca del V sec. a.C., perche’ in confronto al resto d’Europa lo era veramente – non in termini assoluti: non si puo’ metterla a confronto diretto e paritetico con il sistema greco di oggi.
    Tuttavia oggi siamo arrivati alla follia: sono i cittadini stessi a rinunciare alla democrazia spontaneamente (come vi rinunciano? Non associandosi agli altri cittadini, non esprimendosi pubblicamente di fronte alle ingiustizie per proporre delle migliorie e vivendo passivamente la realta’ nella sua interezza).

  • Qualche dato, non per confutare quanto affermato da Giovanni che è, novecentescamente ed etimologicamente, vero:
    Nel 1861 in Italia il diritto di voto era riservato ad appena l’1,89% della popolazione (naturalmente solo cittadini maschi, alfabetizzati e con un reddito alto; il suffragio universale maschile verrà introdotto nel 1912; le donne otterranno il diritto di voto solo nel 1946.
    Ancora oggi gli stranieri che risiedono sul territorio italiano, anche da molto più di 10 anni, sono esclusi dal voto, così come molti giovani di origini non italiane ma nati sul suolo italico.

Leave a Reply


*

Il senso della vita

  • La stella di Davide – racconto di Monia Minnucci

    La stella di Davide – racconto di Monia Minnucci

    Monia Minnucci La stella di Davide Il mio nome è Loris e non ho avuto un’infanzia facile. Mia madre si chiamava Giovanna e quando seppe della mia esistenza, decise di liberarsi del suo acerrimo nemico… la droga. M’aveva voluto a tutti i costi, non faceva che ripetermi che se dio avesse avuto un volto, bèh!, sarebbe stato il mio. Sin da piccolo, fui vittima del pregiudizio legato al vissuto della mamma, ma io l’amavo e non m’era chiaro l’accanimento nei [...]

    Continua →
  • Carità pubblica di Antonio Ghislanzoni

    Carità pubblica di Antonio Ghislanzoni

    Antonio Ghislanzoni (1824-1893) Carità pubblica Lavorò settant’anni; Vecchio, pien di malanni, Dalla miseria afflitto, L’umile sottoscritto Nella carità pubblica Solo or confida, e spera Che l’ospizio dei cronici Lo accolga, o la galera.

    Continua →
  • Quelle bare bianche e…i messaggi di Francesco di Assisi e di Papa Francesco

    Quelle bare bianche e…i messaggi di Francesco di Assisi e di Papa Francesco

    Una settimana, questa che abbiamo vissuto, che difficilmente potremo dimenticare.
    Il primo pensiero va a quei disperati che hanno trovato la morte per fuggire dalla fame e dalla guerra.
    Per ora la tragedia conta un centinaio di morti ma tutto lascia intendere che potremo arrivare tra i 350 e i 400.
    Come non commuoversi nel vedere quelle quattro bare bianche di bambini innocenti che non hanno un padre e una madre che li piangono? Lo facciamo noi, insieme ai pescatori di Lampedusa e ai tanti che ancora hanno cuore e umanità.
    Lascio da parte i fascistelli di turno che si aggrappano a motivazioni cretine per giustificare il loro odio razzista e il loro vuoto e si ammantano di sigle varie, dimenticando che in quelle bare ci sono esseri umani come noi e che continuano a vomitare odio contro chi ritengono diversi o per il coloro della pelle o semplicemente perché nati qualche migliaia di chilometri più a sud.
    Ma l’Europa che fa? Può continuare a pensare che siamo nella comunità solo quando siamo disponibili a lavorare per creare la grande Germania?

    Continua →
  • La settimana del 27: da Francesco (contro la cultura dello scarto), alle miserie di casa nostra(resistenza della casta del PD)

    La settimana del 27: da Francesco (contro la cultura dello scarto), alle miserie di casa nostra(resistenza della casta del PD)

    L’evento che ha caratterizzato la settimana è quella delle Giornate Mondiali della Gioventù. Emerge con forza la figura di questo papa Francesco per la sua personalità e per i suoi messaggi. Una sua frase:

    “Purtroppo, in molti ambienti, si è fatta strada una cultura dell’esclusione, una ‘cultura dello scarto’: non c’è posto né per l’anziano né per il figlio non voluto…” .

    La società moderna del consumo esalta ciò che produce profitto e elimina o cerca di farlo ciò che non lo può o ritiene non che non lo sia in grado. Ecco che si tenta di emarginare l’anziano, il disabile, il diverso ma pure chi ha la pelle diversa.

    Un esempio, ed è la seconda notizia, è il trattamento che viene riservato alla Kyenge rea di avere la pelle nera e di essere di origine africana (non italiana).

    L’altra notizia, opposta a questa, è quella della nascita dell’erede al trono di Inghilterra. Milioni di persone festeggiano la nascita di un bambino (anche io sono felice quando vengono al mondo nuove creature) e già lo considerano “superiore” e in grado di governarli solo perché proviene da una famiglia di previligiati.

    Continua →
  • E’ Morta Rita levi Montalcini: una grande

    E’ Morta Rita levi Montalcini: una grande

    E’ morta Rita Levi Montalcini. Una grande che ha speso la vita per il futuro dell’umanità nel chiuso di laboratori di ricerca e che ha lavorato insieme ai giovani e per i giovani. Una persona che in momenti drammatici e bui per noi tutti ci ha reso orgogliosi di essere italiani perchè lei era la punta più avanzata del pensiero e della tecnica umana.

    Continua →
  • LE TUE STAGIONI

    Ora so perché così triste al telefono è sempre la tua voce Lungo la Dora a Torino è un film che tu guardi da dietro i tuoi vetri (restandone esclusa) la vita che fugge di giorno e di notte con i camion le auto (i loro sobbalzi) giù nella strada e i passi affrettati di sconosciuti che vanno nelle sere d’inverno nella nebbia che toglie il respiro e impronte confuse lasciano sui marciapiedi di neve E non sanno di te [...]

    Continua →
  • TU CHE DORMI…

    Tu che dormi nel calore cullandoti del vecchio cappotto di chi ti sta accanto sul tuo sonno vegliando e non sai del buio che questo treno correndo (la nostra esistenza) va attraversando il buio che arriva sino alle stelle e alle pareti di questa carrozza si attacca ma non riesce anche se lo vorrebbe a spegnere la flebile luce che il vetro della nostra lanterna notturna difende

    Continua →
  • VIDEOSCRITTURA

    “E ora che è acceso premendo un tasto qualunque potrete inviare un impulso istantaneo alla memoria del vostro computer e vedrete sul video apparire una lettera o un segno della vostra tastiera Scrivete ad esempio così per provare…” (ma perché da un punto impreciso della mente o del cuore alle labbra le arriva l’impulso di dire – e non si può con dei ragazzini che ascoltano attenti che vogliono solo imparare come si fa a “navigare” – fra tante soltanto [...]

    Continua →